CONTATTACI

Se hai segnalazioni o curiosità inerenti a Milano, scrivici all'indirizzo: info@urbanfile.org

venerdì 21 dicembre 2012

Buone Feste

Urbanfile Vi Augura Buone feste e Vi invita a seguirci nuovamente dopo il 7 gennaio 2013


l'UFO alla Barona



L'UFO da me citato è il Barrio's e Villaggio Barona, un luogo di aggregazione ed intervento sociale polifunzionale del Comune di Milano. Realizzato tra il 2004 e 2009 nella "nuova" (costruito negli anni ottanta e novanta) sezione del quartiere Barona. L'intervento non sarebbe neanche brutto, certo è impattante, ma il fatto che sia o dia l'idea di essere completamente abbandonato è nettamente degradante. Forse se il comune o chi per esso si desse da fare per mantenere un certo decoro, ne guadagnerebbe, perché l'idea di un "centro" nel quartiere è vitale e degna di un Comune che si prende cura di ogni punto della città.

Dati tecnici:
Per l'intero Villaggio Barona compreso il centro sociale: PIER LUIGI SACCHERI  gruppo tecnico  prof. A. Balducci, coordinamento scientifico (Dipartimento di Architettura e Pianificazione, Politecnico di Milano); arch. P. L. Saccheri, responsabile progettazione architettonica; dott. G. Rabaiotti, attività di project management (Istituto per la Ricerca Sociale)   gruppo di progettazione  arch. P. L. Saccheri, capogruppo e direzione lavori generale; ing. D. Maglie, progettazione e direzione lavori delle strutture; ing. M. Villani e ing. R. Montagna, progettazione e direzione lavori degli impianti (Ebner Europe snc), dott. G. Sala e arch. Paola Paoletti, progettazione e direzione lavori del verde (Land srl)













Piazza Tito Minniti un po' più verde

Piazza Tito Minniti, all'Isola, è usata come parcheggio senza ordine durante la settimana, mentre il sabato è sede di mercato. Pensavo che per salvare "capra e cavoli" come si suol dire, ovvero verde pubblico e mercato settimanale, io trasformerei questo spazio come in alcuni luoghi parigini (usanza che era anche milanese ma che col tempo si è persa), ovvero, sistemare la piazza con una pavimentazione (meglio se in pietra) e collocare degli alberi in filari ben distanziati, lampioncini e qualche panchina. Così avremmo una piazza dove si può tenere il mercato settimanale, ma sempre alberata. Di seguito un'immagine di come intendo la piantumazione alla "parigina", e gli esempi di come potrebbe apparire questa piazza.


Alberatura parigina, in Rue de Rivoli


Ecco i prima e dopo:






L'Isola felice

Il quartiere Isola a Milano è una strana cosa, assieme a pochi altri quartieri di Milano, ha una forte personalità, gli abitanti, orgogliosamente rivendicano di abitare in questa zona della città cosa che magari altrove non succede. Bei locali, qualche ristorante, un'aurea un po' bohémien, gente non troppo benestante, ma neanche dei poveracci, un'aria da paese, dove tutti si conoscono, insomma, un bel posto dove vivere, così appare. Qualche anno fa è stato fatto un bell'intervento di arredo urbano lungo la via Borsieri, dove sono stati pavimentati i marciapiedi e messi dei bei lampioncini in stile ottocento. Anche il vicino Piazzale Carlo Archinto ha ricevuto lo stesso trattamento. Peccato per Piazzale Tito Minniti, che rimane un po' squallido, anche perché luogo di mercato settimanale.


La bellissima Via Pietro Borsieri









Piazzale Carlo Archinto





Il mistero in Conca del Naviglio

Ai civici 17, 19 e 21 di Via Conca del Naviglio troviamo un gruppetto di vecchi edifici decadenti, superstiti sia a sventramenti della Seconda guerra mondiale sia a discutibili piani regolatori decisi negli anni della ricostruzione post bellica e abbandonati già da decenni. Penso che la loro destinazione futura sia l'abbattimento totale, perché che dovrebbe essere prevista la realizzazione dell'attiguo Parco dell'Anfiteatro Romano. Perché ci mettono però così tanto tempo per procedere?

Qui il post che illustra il Parco


Via Conca del Naviglio 17/19/21, sono un gruppeto di vecchi edifici decadenti, superstiti a sventramenti sia della Seconda Guerra Mondiale che di piani regolatori decisi negli anni a seguire la ricostruzione post bellica, ora abbandonati da decenni.


Penso che la loro destinazione futura sia l'abbattimento totale, perché credo che qui sia prevista la realizzazione e ampliamento dell'attiguo Parco dell'Anfiteatro Romano.







giovedì 20 dicembre 2012

Foto dal Cantiere dell'Hadid

Alcune foto di questi giorni (11/14 dicembre 2012) dal cantiere delle residenze Hadid di CityLife.






Via Santa Sofia, il sopralzo ancora da finire

In via Via Santa Sofia ci sono tre palazzoni costruiti sulle rovine della Seconda Guerra Mondiale sul finire degli anni Cinquanta. Diciamo che avrei preferito fossero rimaste le vecchie case di una Milano scomparsa, invece ci troviamo questi tre mezzi giganti (12 piani ciascuno). Uno dei tre, quello centrale è stato trasformato completamente, convertendolo nel Uptown Palace Milan. E' stato sopralzato di altri due piani, ma non riesco ancora a capire come mai il penultimo piano sia ancora aperto come in attesa di essere chiuso, che aspettino qualche condono? Certo che l'aspetto è veramente brutto anche del re-cladding.

Com'era







Nuova costruzione in Via Lattanzio 2/4

COMPLESSO RESIDENZIALE E AUTORIMESSE
Realizzazione di un complesso residenziale con annesse autorimesse  progettato dallo Studio Capelli Architettura & Associati. In Via Lattanzio 2/4 all'angolo con Via Colletta Pietro











Via Vespucci prende forma

Mai così protagonista la via Vespucci come in questi ultimi tempi. Da quando il cantiere di Porta Nuova sì è messo in azione molti milanesi si sono accorti della sua bella presenza, prima era una piccola via dimenticata da molti, perché poco attraente e perché conduceva in un angolo alquanto degradato di Milano, seppure in piena zona centrale.
La fase di semi pedonalizzazione è quasi ultimata, si stanno collocando le ultime pietre e si sta allestendo anche il nuovo verde con aiuola e pianticelle.










Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...