Passa ai contenuti principali

Zona Duomo - La Statua della Libertà milanese

Quanti osservando il Duomo di Milano avranno notato che tra le 3200 statue che costellano la Cattedrale in facciata si trova la Statua della Libertà?
Quella collocata nella facciata meneghina è più vecchia di quella più famosa newyorkese di almeno 70 anni. Infatti la nostra bella statua si trova sul balcone centrale della facciata e sta a sorvegliare i passanti dal 1810. Disegnata e scolpita da Camillo Pacetti (1758-1826), artista neo­classico che insegnò a Brera, la statua rappresenta la Legge Nuova affiancata dall'altra statua della Legge Vecchia che regge delle taovole. Le due sculture combinate formano in modo impressionante la statua della Libertà di New York.

La Legge Nuova 1810

Sono tutte ipotesi, quelle che sostengono che Frédéric Auguste Bartholdi si sia ispirato alle due sculture del Duomo per creare la sua statua alta 46 metri collocata nella baia della città statunitense, ma la somiglianza è impressionante. Molti preferiscono pensare come i francesi che l'ispirazione arrivava al Colosso di Rodi, mentre certi testi inglesi parlano del San Carlone di Arona (del 1698 alta 23 metri) e i toscani ribadiscono invece che la fonte è la Statua della Libertà della Poesia (eseguita tra il 1870 e il 1883), presente sul monumento funebre di Giovan­ni Battista Niccolini, in Santa Croce a Firen­ze, di Pio Fedi. Comunque sia, le nostre due statue potevano esser viste da Bartholdi, visto anche che Milano nel 1810 era Napoleonica e, soprattutto, significava anche conclusione della facciata della cattedrale. Non furono po­che le incisioni e riproduzioni dettagliate che si realizzarono e circolarono in tutta Eu­ropa all'epoca, quindi Bartholdi potrebbe senza alcun dubbio aver visto qualcuna di queste immagini.

La Legge Nuova particolare


La combinazione delle due statue

Il balcone con le due statue

La Legge Nuova

La Legge Vecchia

Il Balcone

Le tre statue delle "Libertà"


Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …