Passa ai contenuti principali

Zona Risorgimento - M4. Maran: “Avanti con i lavori, metro fondamentale per l’ambiente”

Condividiamo quanto detto dall'assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran dopo le proteste di alcuni attivisti contro il taglio degli alberi per realizzare la metropolitana 4. Anche a noi spiace parecchio vedere alberi tagliati, ma pur di vedere ridotto il numero delle automobili in circolazione in futuro, sopportiamo anche questo. 

“Un piccolo gruppo di attivisti oggi ha fisicamente bloccato i lavori per la M4. L’unico risultato, paradossale, sarà quello di ritardare la realizzazione di una nuova linea metropolitana che consentirà alla nostra città di avere una mobilità più sostenibile.
La metropolitana è l’opera ambientale più importante di ogni città; spiace a tutti intervenire sugli alberi ed è evidente che per realizzare una linea in alcuni punti è necessario. Tuttavia da un anno siamo impegnati in un confronto pubblico con imprese, associazioni, comitati e assemblee di cittadini per valutare insieme i progetti e ridurre l’impatto dei cantieri.

L’area specifica di corso Indipendenza, essendo vincolata, ha necessitato di approvazioni ulteriori da parte di Regione e Sovrintendenza, segno che sono state fatte tutte le iniziative possibili per minimizzare l’impatto del manufatto (che ospiterà uscite di sicurezza e impianti di areazione) da realizzare nell’area. Questa cantierizzazione è nota da prima dell’estate: abbiamo lavorato molto per salvaguardare il doppio filare laterale, che rappresenta l’elemento di maggior pregio, e abbiamo quasi dimezzato il taglio di alberi, passando da 45 a 26 interventi. Nei prossimi giorni si interverrà su 16 alberi e successivamente si vedrà se c’è la possibilità di salvaguardarne altri, come avvenuto per tutte le cantierizzazioni.

Il lavoro di questi mesi è stato principalmente orientato all’obiettivo di rendere compatibile il manufatto con la permanenza del doppio filare esterno, che è sostanzialmente salvaguardato. È evidente che una protesta nel giorno dell’esecuzione dei lavori non può modificare il progetto. Ricordo infine che al termine dei lavori ripianteremo gli alberi, con un aumento del 20% rispetto agli attuali.

A Milano si costruiscono metropolitane da 60 anni. La tecnologia oggi ci consente di ridurre di molto gli impatti rispetto a quanto avvenne con M1, ma non può azzerarli: in prossimità di stazioni e manufatti è necessario aprire cantieri, che possono comportare qualche disagio. Come accaduto per M5 il nostro impegno è quello di consegnare l’opera nei tempi, se non in anticipo rispetto agli 88 mesi di lavoro previsti. Domenica apriremo la stazione Monumentale M5. Ricordiamoci che al termine dei lavori avremo servizi e nuovo verde”.
Lo dichiara l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran.






Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …